Blog

19 Gen 2018

Tribunale Unificato dei Brevetti: nuova sfida per Milano

//
Comments0

Superata la delusione per la mancata assegnazione dell’EMA, la città di Milano resta in corsa per un’altra importante sfida: quella per l’assegnazione di una delle sedi centrali del Tribunale unificato dei brevetti, il tribunale centralizzato che sarà deputato a risolvere i contenziosi relativi al “Brevetto unico europeo”.

Cosa cambia con il Tribunale unificato dei brevetti?

Il sistema del brevetto europeo prevede l’entrata in vigore dell’accordo sul Tribunale unificato dei brevetti e del regolamento sul Brevetto unitario. Con l’entrata in vigore di questo sistema, e quindi del Tribunale unificato, il brevetto europeo sarà gestito come un diritto unico e territorialmente inscindibile, sia a livello amministrativo sia per ciò che riguarderà le controversie in tema di validità o contraffazione. Le decisioni prese dalla Corte avranno quindi valore contemporaneamente in tutti gli Stati dell’Ue.

I brevetti chimico-farmaceutici e la terza sede

Accanto alle sedi di Monaco di Baviera e Parigi, esiste una terza sede centrale del Tribunale unificato: quella sotto la cui giurisdizione ricadranno i contenziosi sui brevetti relativi alle “necessità umane”, categoria della quale faranno parte i brevetti chimico-farmaceutici. Con il nuovo sistema, le aziende farmaceutiche potranno azionare i propri titoli brevettuali attraverso un unico procedimento, davanti alla Corte europea, senza dover intraprendere singole cause nei vari Paesi europei.

La terza sede centrale del Tribunale unificato era stata inizialmente attribuita a Londra, assegnazione che è stata messa in dubbio lo scorso giugno a seguito del voto sulla Brexit. Nonostante Londra rimanga per il momento ancora in corsa, Milano resta tra le città candidate ad ospitare la Corte. Questo anche grazie all’aumento delle domande italiane indirizzate all’European patent office (Epo): nel 2016 l’incremento è stato del 4,5%, posizionando l’Italia al secondo posto tra i paesi europei che hanno registrato incrementi più significativi. Inoltre, è già prevista a Milano una divisione locale del Tribunale unificato dei brevetti.