Blog

17 Mag 2017

LA FARMACIA DEL FUTURO E’ 4.0

Doxa  ha fotografato per Dompé, una delle principali aziende biofarmaceutiche in Italia, la situazione attuale nel mondo della farmacia per capire le aspettative rispetto al futuro. Sono stati intervistati sia farmacisti sia un numero rappresentativo di cittadini italiani adulti.

Ne è emersa una fiducia nei professionisti da parte degli italiani, i quali però chiedono maggior specializzazione e migliori servizi.

I cittadini desiderano una farmacia sempre più polifunzionale, un punto d’aggregazione dove, oltre ad acquistare prodotti, possano ricevere consulenza e beneficiare di diversi servizi.

Il futuro auspicabile è un modello di farmacia “Pick&Pay” attraverso il quale sarà possibile effettuare gli ordini dal web per poi ritirare la merce direttamente nel punto vendita.

Le farmacie si stanno evolvendo verso un network nel mondo della salute che vede la crescita delle vendite via web, dei servizi offerti con focus sulla consulenza. Per stare al passo con i tempi è necessario un costante aggiornamento.

I farmacisti si affacciano a questo scenario propositivi al cambiamento e all’impiego della tecnologia. Ciò che li spaventa è la riduzione dei margini, l’ingresso delle grandi catene sul mercato italiano, gli effetti della scontistica e l’incertezza circa un quadro normativo sulla professione ancora in evoluzione. (Fonte: Doxa)

A tal proposito, nell’ambito di Cosmofarma Exhibition 2017, è stato siglato a Bologna, un protocollo tra Sit (Società italiana di telemedicina) e Federfarma, federazione delle farmacie per promuovere la telemedicina sul territorio, per potenziare il ruolo della farmacia come presidio socio-sanitario e migliorare la gestione delle malattie croniche.

“L’innovazione tecnologica facilita l’accesso alle prestazioni su tutto il territorio. La diffusione dei servizi di telemedicina si inquadra nell’evoluzione della farmacia verso un modello di presidio sanitario territoriale impegnato non solo nell’erogazione del farmaco e nell’assistenza al paziente, ma anche nella fornitura di nuove prestazioni, volte a sfruttare la capillarità della rete delle farmacie per facilitare l’accesso dei cittadini alle cure”. Ha commentato la presidente di Federfarma, Annarosa Racca.

Nel 2016 le farmacie italiane hanno garantito oltre 67mila prestazioni di telemedicina (elettrocardiogrammi, monitoraggi della pressione arteriosa, Holter cardiaci), consentendo di rilevare numerose situazioni di anomalie.

Un passo avanti che garantirà gli standard di qualità necessari migliorare i servizi offerti dalle farmacie.

Leave a Reply

uno × 5 =