Blog

9 Mar 2017

EMA: Milano si candida come nuovo hub

La European Medicine Agency in cerca di una nuova sistemazione: prende forma la candidatura di Milano.

Quando si parla di Brexit, è inevitabile pensare a come l’uscita della Gran Bretagna abbia scatenato numerose polemiche interne coinvolgendo sul piano comunitario tutti i membri UE che, già dalla mattina seguente in cui la vittoria del “LEAVE” aveva riempito le prime pagine delle maggiori testate giornalistiche, avevano cominciato ad immaginare le ipotetiche conseguenze di un’uscita dall’Unione Europea così inaspettata.

Allo stesso tempo, è altrettanto inevitabile dare uno sguardo a ciò che, fin dalla sua nascita alla fine del secolo appena passato, è ai nostri giorni il più grande ente di valutazione dell’industria farmaceutica e che si troverà presto ad affrontare un trasferimento come conseguenza diretta della Brexit. La European Medicine Agency – EMA – è infatti in cerca di una nuova casa con il capoluogo lombardo in prima linea per ospitare l’istituzione.

L’ EMA, e con i suoi quasi 1000 dipendenti, rappresenta un’importante opportunità di crescita per la città che ospiterà l’agenzia che attrae annualmente ricercatori ed esperti del settore.

L’Unione Europea, nonostante altre priorità dell’uscita del Regno Unito, si è tuttavia dichiarata disponibile ad accettare la candidatura di Milano come nuova sede dell’ EMA, candidatura già presentata e ratificata dalla stessa città che si aspetta una risposta da Bruxelles molto presto.

Assisteremo perciò ad una sana competizione che porterà le maggiori capitali europee a contendersi l’agenzia comunitaria con la possibilità per la città che riuscirà a spuntarla di notevole afflusso di introiti finanziari derivanti dai fondi che l’agenzia stessa attrae ogni anno, con Milano in netto vantaggio sulle contendenti e che difficilmente si lascerà scappare questa occasione.

Leave a Reply

tredici + 18 =