Blog

convenzione nazionale
15 Lug 2016

Le novità del rinnovo della convenzione nazionale con le farmacie

//
Comments0

Fermo dal 1998, ieri il comitato di Settore Regioni-Sanità insieme ai contratti del personale del Servizio sanitario nazionale, ha dato il via libera alle trattative per il rinnovo della convenzione nazionale con le farmacie. Alla base della scelta la necessità di adeguare la convenzione alle innovazioni contenute nel Patto per la Salute, e contribuire alla trasformazione delle farmacie da centri di erogazione di farmaci e medicinali a dei veri e propri primi presidi sanitari di prossimità dei distretti sanitari.

Un passo necessario per rendere le farmacie più innovative e che le coinvolgerà sempre di più nei processi di terapia, andando a potenziare il sistema di cure primarie territoriali, rendendole anche più funzionali e più vicine alle esigenze dei cittadini. Non è da trascurare, infatti, le crescenti esigenze date dall’invecchiamento della popolazione che richiedono servizi più vicini e fruibili sul territorio per contribuire significativamente alla prevenzione e alla cura di patologie croniche.

Chiaramente, il ruolo di primo presidio per i primi cittadini, potrà essere realizzato all’interno della nuova convezione allo scopo di integrare sempre di più le attività della farmacia con le necessità e i programmi del Servizio Sanitario Nazionale. Sarà quindi necessario investire nella professionalità dei farmacisti e nello sviluppo delle strutture per offrire i servizi che possano rendere nel prossimo futuro le farmacie in veri e propri presidi a supporto delle strutture ospedaliere.

Leave a Reply

cinque × 1 =