Blog

16 Nov 2015

La ricetta medica ora solo elettronica

//
Comments0

Dal 1 Gennaio 2016, tutti i cittadini potranno utilizzare la ricetta elettronica in qualsiasi farmacia, da quella pubblica a quella privata.

Questo quanto previsto dal decreto presentato dal Ministro della Salute Lorenzin volto a proseguire nel processo di digitalizzazione del Sistema Sanitario Nazionale. Il decreto punta a definire le modalità con cui erogare i farmaci prescritti nella ricetta medica a carico del SSN.

La ricetta dematerializzata comporta importanti benefici in primis per il cittadino che potrà acquistare in qualsiasi farmacia i medicinali prescritti dal medico.

Come anticipato anche dal Ministro, l’estensione di validità della ricetta elettronica punta a migliorare il rapporto tra costi e qualità, rendere più conforme l’accesso ai servizi e semplificare il rapporto tra Servizio Sanitario Nazionale e paziente.

In questo progetto di innovazione, molteplici le realtà coinvolte dai medici e farmacisti a ASL e Regioni.

Per prescrivere degli accertamenti o dei medicinali, il medico dovrà, accedendo tramite pc al sistema di riferimento, effettuare la prescrizione collegando il codice fiscale del paziente con i codici prodotti dal sistema gestito da Sogei e assegnati dalle ASL.
Tramite il match di valori il sistema potrà collegare tutte le informazioni del paziente comprese eventuali esenzioni. Il medico consegnerà un promemoria al paziente, funzionale a garantire l’erogazione del farmaco qualora non fosse possibile accedere al server per il farmacista.

Il cittadino potrà recarsi dal farmacista il quale, collegandosi sempre al sistema grazie al numero ricetta e codice fiscale, potrà erogare il medicinale prescritto. A conclusione il farmacista invierà al server Sogei i dati legati all’erogazione e i codici della scatola del farmaco.

Un innovazione molto importante che segna un passo in avanti verso una digitalizzazione del sistema sanitario dove nuovamente le farmacie si sono rilevate importante nelle fasi di progettazione. Come sottolineato dal presidente di Federfarma, Annarosa Racca, le farmacie hanno giocato un ruolo importante sia nell’impegno volto all’informatizzazione del SSN sia nell’individuare e proporre soluzioni tecniche più adeguate per attivare quest’innovazione.

L’inizio del nuovo anno sancirà quindi un altro passo verso una sanità più digitale.

Leave a Reply

8 + 17 =