Blog

11 Giu 2015

Il settore farmaceutico traina la ripresa italiana

//
Comments0

Sono circa 2,8 i miliardi di euro di PIL prodotti dal settore farmaceutico italiano. Una cifra considerevole che contribuisce a portare nel nostro Paese più di 1,2 milioni di investimenti per un settore che non accenna ad arrestare la sua crescita.

Terzo mercato d’Europa, l’Italia si distingue per essere la seconda piattaforma produttiva di farmaci ed il secondo paese per crescita delle esportazioni dopo la Germania, con 20,7 mld di export attestandosi sull’11,2% in media all’anno dal 2009.

Sono questi i dati principali rilevati dallo studio A.T. Kearney realizzato appositamente per il forum “Produzioni farmaceutiche di qualità: valore ed innovazione”. L’indagine evidenzia inoltre come il comparto sia cresciuto notevolmente anche dal punto di vista tecnologico diventando la prima industria hi-tech per presenza sul nostro territorio.

Dati positivi confermati anche dalla ricerca di Ims Health Italia che registra un primo trimestre 2015 con un fatturato di circa 5,8 miliardi di euro con una crescita del +5,4% a valore rispetto allo stesso periodo del 2014.

L’analisi focalizzata sui prodotti farmaceutici registrati, evidenzia come a trainare il mercato sia il comparto dei farmaci consumati in ospedale che, insieme alla distribuzione per nome e per conto dei farmaci specialistici, copre circa il 48% del totale ed esprime tassi di crescita intorno all’9%.

La medicina specialistica cresce grazie ai nuovi medicinali prodotti. I farmaci lanciati negli ultimi due anni contribuiscono per il 52% alla crescita totale del canale ospedaliero e distribuzione per conto terzi.

Leave a Reply

due × 4 =